ARCOBELLI (CGIE): DOPO 118 ANNI LE SCUSE UFFICIALI PER IL LINCIAGGIO DI 11 ITALIANI A NEW ORLEANS

DALLAS – “Dopo 118 anni arrivano finalmente le scuse pubbliche, per il linciaggio di 11 italiani di origini siciliane a New Orleans. Non molti conoscono questa triste storia, che ha lasciato un segno indelebile nella comunità siciliana ed Italo americana di New Orleans e degli Stati Uniti d’America”. A darne notizia è Vincenzo Arcobelli, consigliere del Cgie, che riporta le dichiarazioni del portavoce del sindaco Joseph Caruso che, in una nota pubblicata da Janet McConnaughey, annuncia che “il nostro ufficio – ha detto Caruso – ha lavorato con la comunità italo-americana su questo tema e rilascerà una proclamazione il 12 aprile”.
La proclamazione sarà presentata al Centro Culturale Italiano Americano della città.
“Ho avuto la fortuna di conoscere e di ascoltare alcune persone che hanno condiviso quei momenti storici e anche drammatici dell’emigrazione italiana di quel tempo”, commenta Arcobelli. “Apprezzo il significato di trasmettere attraverso una proclamazione ufficiale le scuse pubbliche da parte del Sindaco e dell’intera amministrazione della città di New Orleans, alla comunità Italo Americana”.
Come scritto da Patrizia Famà Stahle in “The Italian Emigration of Modern Times: Relations between Italy and the United States concerning Emigration Policy, Diplomacy and Anti-Immigrant Sentiment, 1870-1927” (Cambridge Scholars Publishing – 2016), tutto iniziò con l’omicidio del capo della polizia di New Orleans, David Hennessy, cui venne tesa un’imboscata il 15 ottobre 1890 da quattro uomini vicino a casa sua. Il libro è citato da McConnaughey, che spiega, “Hennessy morì, fu riportato allora, dando la colpa agli italiani. In quegli anni circa 30.000 italiani vivevano a New Orleans e centinaia furono arrestati durante le indagini che seguirono. Diciannove furono incriminati e nove processati in un processo concluso con sei assoluzioni e giurati incapaci di concordare in tre casi”.
“Almeno tre dei siciliani processati a New Orleans avevano avuto problemi con la legge in Italia e un altro era un noto mafioso, secondo Stahle, ma almeno cinque avevano documenti puliti. Otto di quelli uccisi erano cittadini statunitensi, tre erano cittadini italiani”, scrive ancora McConnaughey. “Il processo iniziò a metà febbraio 1891, il verdetto fu raggiunto il 13 marzo 1891. Un “Comitato di vigilanza” si incontrò quella notte: fece pubblicare sui giornali del mattino un invito a persone “pronte all’azione”, come scrisse nel 1991 il “The Times-Picayune” di New Orleans. Secondo questo articolo migliaia di persone si riunirono sotto una statua di Henry Clay, dove William S. Parkerson disse: “Quando la legge è impotente, i diritti delegati ad essa dal popolo tornano di nuovo al popolo, che quindi è giustificato nel fare ciò che i tribunali non sono riusciti a fare”. La folla prese d’assalto il carcere. I carcerieri aprirono le porte delle celle invitando gli uomini a scappare, ma nove di loro furono inseguiti e fucilati. Altri due furono impiccati. Degli 11 morti, tre erano stati assolti, la giuria era incerta riguardo ad altri tre, gli altri cinque erano stati incriminati ma non processati, come sintetizzato da Charles Marsala, che sta lavorando a un documentario sull’immigrazione siciliana a New Orleans. Sempre secondo Marsala altri otto riuscirono a nascondersi e a fuggire. Nel 1892, il governo degli Stati Uniti pagò $ 25.000 in riparazione alle famiglie delle vittime”.

 

FONTE: aise.it

Advertisement

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*