POLITICHE 2018/ LA FCLIS RINGRAZIA MICHELONI E INVITA A VOTARE CHI “COSTRUISCE PONTI NON MURI”

Si è riunito il 3 febbraio scorso a Berna il Direttivo della Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera (FCLIS).
Tra i temi all’ordine del giorno anche il voto politico del 4 marzo che in Italia rinnoverà il Parlamento.
In questa occasione, la Federazione ha deciso di inviare il suo “più vivo ringraziamento” a Claudio Micheloni, già presidente della Federazione dal 1996 al 2017, senatore dal 2006, “per il lavoro svolto durante tre legislature in cui è stato Senatore della Repubblica Italiana”. Di Micheloni la Fclis ha riconosciuto “l’impegno costante e l’autonomia di giudizio con la quale ha saputo mettere sempre al primo posto gli interessi della collettività, di cui si è sempre sentito diretta espressione”.
Quanto alle prossime politiche, non avendo candidati fra i dirigenti nazionali, la FCLIS da un lato invita tutti i connazionali all’estero a votare per “far sentire la propria voce attraverso l’espressione del proprio voto”, e, dall’altro, a “sostenere quei candidati che, al di fuori della mirabolante retorica preelettorale, si riconoscono nei valori che presiedono alla nascita e all’esistenza del movimento. Valori – sottolinea la Federazione – che danno senso e sostanza a concetti come l’antifascismo, la solidarietà, la tolleranza; che inducono a privilegiare i ponti e a rifiutare i muri, ad affermare i diritti e a riconoscere i doveri; che perseguono politiche di integrazione e di inclusione sociale; che considerano la diversità una fonte di ricchezza”.
“Con lo stesso spirito” il Direttivo della FCLIS invita “le singole Colonie libere a sostenere quei candidati che, condividendo i valori ricordati sopra, figurino fra i propri iscritti”.
In vista del voto, la FCLIS ribadisce anche “la propria contrarietà nei confronti di una legge elettorale, che ha introdotto il principio secondo il quale nella Circoscrizione Estero possano esser candidati anche cittadini che non risiedono all’estero” e, al tempo stesso, esprime “la propria preoccupazione che la stessa non consenta la formazione di un governo stabile”.
Infine, il direttivo FCLIS “deplora che, nonostante le insistenti sollecitazioni e le numerose proposte, non siano stati adottati quegli accorgimenti pratici e formali che da soli avrebbero consentito di limitare l’incidenza di eventuali brogli, lasciando che, attorno a queste eventualità si moltiplichino le accuse di chi, in realtà, ha come vero obiettivo la delegittimazione dell’esercizio di voto degli italiani all’estero”.

 

FONTE: aise

Advertisement

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*